• Pingback: Stipendi della Serie A 2013/14, ecco le tabelle della Gazzetta | La Biblioteca del Tifoso "Bilanciato"()

  • Pingback: SERIE A [28a campionato] 8-10 marzo 2013 - Pagina 11()

  • Pingback: I documenti più letti del 2012 | La Biblioteca del Tifoso "Bilanciato"()

  • Pingback: Gli stipendi in Serie A: dettagli della distribuzione dei salari per squadra | La Biblioteca del Tifoso "Bilanciato"()

  • Pingback: Bilancio, si chiude a -80 mln: svolta nel prossimo. Moratti: "Abbiamo per le mani..." - Pagina 22()

  • Pingback: Più che un socio di capitale ed uno stadio, serve l’equilibrio dei conti | La Biblioteca del Tifoso "Bilanciato"()

  • Tifoso Bilanciato

    Gentile Luca,

    effettivamente la differenza fra lordo e netto, in generale, è tanta.

    Stiamo preparando un approfondimento (peraltro su più anni) per cercare di ottenere dei valori più attendibili.

    Tenga conto che le notizie sono solo in Lega Calcio (i contratti) e che il ragionamento della Gazzetta sul netto sembra basarsi sui giocatori in rosa.

    Per quei giocatori per i quali ci sono accordi di compartecipazione sui costi qualcosa “manca all’appello”. Le faccio un esempio: Borriello ha un contratto per la Roma che l’anno scorso era dichiarato a 3,1 milioni di Euro, quest’anno appare solo per il Genoa a 1,4 milioni di Euro.
    E’ quindi ragionevole pensare che la differenza fra 3,1 ed 1,4, cioè 1,7 milioni la stia ancora pagando la Roma. Si tratta di circa 3 milioni di Euro di costo lordo che non hanno nessun rapporto con i costi netti della rosa della Roma attuale.

    Accanto a questo non è possibile verificare l’attendibilità effettiva degli stipendi netti dei giocatori ne’ sapere se – ad esempio – nei costi lordi siano finite componenti variabili(es. simulazione premi di risultato) o non salariali (eventuali retrocessioni di ricavi per sfruttamento dei diritti di immagine magari fatturati da società anziché dal calciatore stesso).

  • LUCA

    io credo che i parametri usati sono completamente sballati. Non riesco a capire come fà la Roma sad avere un lordo di 95 min quando la somma degli spipendi netti è inferiore ai 40 mln

  • user_7534

    Io credo che un parametro di analisi più attendibile per il confronto sarebbe calcolare la somma degli ingaggi netti di tutta la serie A (attraverso le tabelle fornite dalla stessa Gazzetta negli ultimi anni), adducendo ad essa una componente lorda univoca. Così si può realmente notare la differenza, sempre tenendo presente che come detto da voi tali ingaggi sono frutto di stime o informazioni derivate da soggetti imprecisati.
    Saluti e buona giornata

  • user_7534

    E’ proprio per questo che considero quest’analisi della Gazzetta priva di ogni fondamento. La somma totale degli ingaggi netti dei calciatori (comprese Juve Inter e Milan assenti nella tabella da voi linkata) è 394,2 mln. Considerando carico fiscale e oneri sociali al 45% del lordo (che ritengo una percentuale congrua, forse anche per eccesso) il totale degli stipendi lordi è 716,72 mln. Cioè -158,78 rispetto all’anno precedente. Altro che “la dieta c’è ma non si vede”, come riporta il titolo…
    Ora, siccome non posso credere che i giornalisti della “rosea” siano stati così grossolani nel fornire questi dati: cui prodest? Qual è il motivo per cui hanno fornito dati VOLUTAMENTE sbagliati e anche di molto? Forse per non far credere alla gente che il calcio italiano ha perso i suoi campioni più forti e pagati, forse per dare un argine psicologico alla crisi?
    Grazie mille per le spiegazioni e ancora complimenti per il Vs. lavoro.

    • Tifoso Bilanciato

      Beh, intanto bisogna vedere se i giornalisti sono riusciti ad avere una copia dei contratti depositati o se si sono fidati delle informazioni degli operatori di mercato (es. agenti). In questo caso è possibile che il dato di partenza sia “gonfiato” o “sgonfiato” a seconda del soggetto che lo fornisce.

      Vi è anche da dire che alcuni giocatori hanno degli accordi per lo sfruttamento dei diritti di immagine che non sappiamo come vengano gestiti (a volte, all’estero, è una società che fattura il compenso o parte del compenso alla squadra e, quindi, il carico fiscale è diverso).

      L’interpretazione del perché da lei data potrebbe comunque essere parte della spiegazione, specialmente da parte delle grandi squadre che “hanno bisogno” di far vedere che spendono. Anche se, vi è da dire, oggi va molto più “di moda” giustificare le scelte alla luce delle (necessarie) regole del Fair Play Finanziario, che entrano in vigore proprio con questa stagione.

      Purtroppo l’assenza di fonti dirette ed il mancato dettaglio dei contratti nei bilanci delle squadre, rende il compito improbo.
      Comunque era nostra intenzione provare ad approfondire l’argomento simulando i costi effettivi sulla base delle regole contrattuali. Appena possibile, ammesso e non concesso che esca fuori qualcosa di “sostenibile”, provvediamo a postarlo.

      Buona giornata e grazie del contributo.

  • Tifoso Bilanciato

    L’argomento è fra i più difficili da inquadrare, perché non esiste modo (legale!) di avere accesso alle informazioni di prima mano.
    Non riteniamo la Gazzetta attendibile al 100%, ma usiamo questi dati anche perché, di fatto, sono fra i pochi disponibili.

    Comunque, oltre al problema da lei segnalato, oltre al fatto che alcuni stipendi sembrano non essere in linea con la “vox populi), vi è anche un ulteriore problema: se analizziamo i dati della Gazzetta, si nota che il carico fiscale (inteso in senso lato, come differenza fra costo lordo de somma degli stipendi netti) non è omogeneo neanche fra le squadre:

    Squadra Costo netto Costo lordo Carico fiscale % lordo
    Atalanta Totale 11,55 23,70 12,2 51,27%
    Bologna Totale 13,56 28,40 14,8 52,25%
    Cagliari Totale 7,95 15,90 8,0 50,00%
    Catania Totale 8,74 18,00 9,3 51,44%
    Chievo Totale 8,11 15,90 7,8 48,99%
    Fiorentina Totale 19,28 38,80 19,5 50,31%
    Genoa Totale 14,82 28,90 14,1 48,72%
    Lazio Totale 31,25 66,20 35,0 52,79%
    Napoli Totale 26,60 53,20 26,6 50,00%
    Palermo Totale 11,73 23,40 11,7 49,87%
    Parma Totale 10,50 21,20 10,7 50,47%
    Pescara Totale 5,42 10,80 5,4 49,81%
    Roma Totale 34,68 95,00 60,3 63,49%
    Sampdoria Totale 14,80 29,80 15,0 50,34%
    Siena Totale 9,10 18,90 9,8 51,85%
    Torino Totale 10,96 22,00 11,0 50,18%
    Udinese Totale 10,55 21,20 10,7 50,24%
    TOTALE COMPLESSIVO 249,60 531,30 281,7 53,02%

    L’immagine può essere scaricata anche da questo link:
    https://dl.dropbox.com/u/51629032/Sito/Sito%20Tifoso%20Bilanciato/Immagini%20Blog/Stipendi%202012%20carico%20fiscale.gif

  • user_7534

    A voi, che leggo sempre puntualmente e considero molto attendibili in questo tipo di analisi, chiedo: avete notato che la Gazzetta quest’anno ha calcolato il lordo in modo sommario (in pratica raddoppiando semplicemente la somma degli ingaggi netti considerati) mentre invece la stessa indagine della scorsa stagione considerava unicamente la tassazione Irpef al 43%? In questo modo il paragone risulta totalmente falsato (ad esempio sommando i singoli ingaggi netti del Napoli riportati dalla Gazzetta per il 2011-2012 e il 2012-2013 c’è una differenza di soli 3,2 mln mentre al lordo è riportata una differenza di 12 mln).
    Ciò probabilmente fa perdere senso al gran parte del discorso. Cosa ne pensate?

  • Pingback: Gli stipendi della Serie A 2012/2013 (e confronti col biennio precedente) - News Calcio - Calcio - Segnala Feed()